Alla Ricerca del giusto farmaco

Gli utenti del sito possono usare liberamente questo forum per scambiarsi esperienze ed opinioni.

Alla Ricerca del giusto farmaco

Messaggioda danilobighouse » mar ago 04, 2020 10:39 am

Buongiorno,

ho 46 anni e peso 73 kg. Vi racconto la mia storia che è un pò lunga.

Dal giorno della nascita di mio figlio il 21 Luglio 2015 è iniziato un calvario che ad oggi non sono riuscito a risolvere nonostante essere stato in cura da più specialisti.
Il giorno della nascita ho avuto tipo un attacco di panico....un'ansia fortissima e invalidante tanto che non ce la facevo a camminare, a dormire tantomeno a lavorare tutto questo iniziato mentre stavo fumando una sigaretta.
Ho iniziato un calvario fatto all'inizio da pronto soccorsi vari, analisi (io mai entrato in ospedale e mai fatto analisi), visite specialistiche: diagnosi tutto apposto solo un attacco di panico e un'ansia talmente forte che era invaldante derivante da non so che e non so cosa perchè io non ho nessun problema (lavoro, vita sentimentale, bambino meraviglioso e voluto...tutto apposto). Passo l'estate tra il letto e la cucina senza avere la possibilità di godermi mio figlio intanto ho intrapreso un percorso con uno psichiatra:

1) il pimo psiachiatra inizia con XANAX e contestualmente con DROPAXIN fino 20 gocce: nulla di fatto.
Dopo 20 gg aggunge CYMBALTA da 30 mg 1 volta al giorno: nulla di fatto
Dopo 15 gg aggiunge MIRTAZAPINA da 15 mg la sera (premetto che l'ansia era talmene forte che non riuscivo a chudere occhio e quando mi assopivo mi risvegliavo con scatti). Piano piano con questi 3 medicinali sono iniziato a stare un pò meglio: dopo 1 anno tolgo il dropaxin e nell'estate 2017 tolgo anche il CYMBALTA e rimane solo la mirtazapina. Nel febbraio 2018 inizio ad accusare sintomi a livello respiratorio (intanto dall'episodio della sigaretta del 2015 avevo smesso di fumare): faccio una tac al torare tutto apposto tranne una iperplasia del timo. La paura è tanta perchè nessuno mi sapeva dire se trattavasi di un timoma finché alla fine uno specialista mi dice che non è assolutamente nulla. Ovviamente queste peripezie hanno influenza sulla mia psiche tanto che devo riprendere CYMBALTA e DRPAXIN. Siamo a marzo e quando è agosto riesco togliere sia CYMBALTA che DROPAXIN e rimango sempre e solo con MIRTAZAPINA 15 g la sera. Inverno tutto ok a primavera 2019 di nuovo dolore al petto, altre analisi, pneumologo, tac al setto nasale altre analisi ma in sostanza tutto ok. Di nuovo ansia reintoduco velocemente DROPAXIN e CYMBALTA ma il problema è che questa volta non c'è remissione. Mi spego meglio in queste fasi sto male ma non malissimo: riesco con molto sforzo a fare le normali attività ma ho sempre paura di stare male...non riesco ad andare a cena fuori con gli amici, a fare sporto etc per questa astenia che mi accompagna dalla mattina alla sera.

2) A Settembre 2019 stanco e malconcio cambio psichiatra il quale mi dici che la cura va bene e mi aggiunge LYRICA che prendo per due gg in quanto mi da fastidio.

3) A novembre 2019 mi decido a prendere il toro per le corna e mi affido ad un noto neuro-psichiatra che ha la fama di essere un luminare. Mi dice che la cura è sbagliata e quindi nell'arco di un mese:
a) sospende MIRTAZAPINA
b) sospende CYMBALTA
c) passa il DROPAXIN a 10 gocce
d) introduce LAROXIL 1 goccia al giorno fino a 18 gocce.
e) introduce il RIVOTRIL 4 gocce la mattina
f) attività fisica la mattina 1 ora
Devo dire che il giorno dopo appena preso il RIVOTRIL (ancora prendevo tutti i medicinali di prima) mi sono sentito da DIO.
Ho scalato poi ho introdotto il LAROXIL. Innazitutto non dormivo più poi arrivato a 10 gocce mi sono cominciato a sentire male seriamente con formicolio sotto pelle, un'ansia talmente forte che ti impediva di fare le cose quotidiane. Il dottore all'inizio a cercato di aggiustare il tiro diminuendo, aumentando il RIVOTRIL poi i primi di marzo ho interrotto il LAROXIL e sono passato di nuovo alla MIRTAZAPINA 15 mg lasciando il DROPAXIN a 16 gocce ed il RIVOTRIL 5+3+3. Sono iniziato a stare meglio....sempre meglio durante il COVID riuscivo a fare sport con cntinuità. I primi di Maggio stavo bene poi ho iniziato a ri-lavorare, la prima settimana ok, la seconda un pò meno, la terza i sintomi sono iniziati ad essere sempre più forti (non riuscivo più a correre e premetto che facevo 10 km al giorno). Andando avanti sempre peggio, sempre peggio finchè di comune accordo decidiamo di togliere il DRPAXIN 1 goccia ogni 2 gg. Io non ho grandi sintomi di astineza....mi sento male ma il solito. A metà Luglio ci vediamo e mi dice a questo punto di togliere anche il RIVOTRIL. Non lo avessi mai fatto....alla prime gocce scalate sono stato malissimo: ansia, batto i denti come quando è freddo, formicolio sotto pelle, difficoltà di concentrazione, giramenti di testa etc. Sono di nuovo da capo: potete immaginare lo sconforto dopo 5 anni di cure. Lo psichiatra mi dice di introdurre ENTACT GOCCE 1 goccia ogni 3 gg. Ad oggi sono arrivato a 6 gocce (15 gg) ma i sintomi sono ogni giorno peggio e ancora più invalidanti: non ce la faccio a fare nulla, non riesco a concentrarmi, crisi d pianto, male allo stomaco, l'ansia si trasforma in formicolio sotto pelle e mancanza di forse, ho smesso di lavorare. Lo chiamo chiedendo cosa fare e mi dice che secondo lui va interrotto in quanto è l'inizio delle sindrome serotoninergica ma mi dice anche che se me la sento posso andare avanti in ogni caso mi liquida dicend che reagisco male ai medicinali e che possiamo risentirci a Settembre.

A questo punto io non so più cosa fare.
1) Smetto o vado avanti con ENTACT?
2) Questi farmaci SSRI a mio avviso non sono stati mai una salvezza a differenza della MIRTAZAPINA e del RIVOTRIL: devo continuare con questa classe (anche del DROPAXIN oltre 16 gocce non sono riuscito mai ad andare)
3) Cosa mi consigliate??

Grazie infinite per la risposta e scusate per la lungaggine ma ho cercato di essere più preciso possibile per dare le info più dettagliate possibili in modo da avere un quadro d'insieme completo.

Un cordiale saluto
danilobighouse
 
Messaggi: 1
Iscritto il: lun ago 03, 2020 4:07 pm

Torna a antidepressivi e ansiolitici

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti